Ponte Coperto
Castello
Castello
A+ A A-

Esplorare il mondo ponendosi alla giusta distanza

Exhibit realizzato da:
1ALS Itis "G. Cardano"- Pavia

A che distanza bisogna porsi per esplorare il mondo? E quali strumenti sono necessari? Occorre l'imbuto di Berlese, un dispositivo per l'estrazione della micro e della meso fauna del suolo, dell'acqua stagnante e un semplice microscopio.

L'esperimento consiste nel sottoporre il terreno campione a una variazione di temperatura tramite una lampada elettrica, in modo che gli organismi si allontanino dalla zona a temperatura elevata cadendo in un recipiente sottostante.

Nel recipiente occorre introdurre acqua stagnante affinchè i microrganismi possano sopravvivere qualche giorno. Il campione di terreno è posto sul setaccio per permettere agli organismi di passare. Analizzandoli poi al microscopio si possono distinguere batteri, ciliati, piccoli flagellati, retiferi e filamenti.

Nello stesso stand i giovani espositori della 1ALS hanno anche messo in mostra un insetto tridimensionale ottenuto con una stampante 3D.
I ragazzi ci hanno mostrato dal vivo, in piccole bacheche, varie tipologie di insetti e larve illustrando le diverse metamorfosi, processi mediante i quali un insetto passa dallo stato larvale a quello adulto.
Proprio per osservare le parti del corpo di un insetto, gli studenti della 1ALS hanno creato un modellino tridimensionale per mezzo di una stampante 3D dopo aver modellato le forme attraverso un programma di progettazione CAD (RHINO).

Mediante la stampante 3D hanno fuso, con il calore dell'estrusore, un filamento di plastica ABS che è un materiale molto resistente. Hanno così ottenuto un modellino di insetto fedele alla realtà.

Articolo a cura di:
Francesca Manara, Andrea Cirmi, Nicolò Mazzariello
2DLS e 2BI Itis "G. Cardano" - Pavia

YouTube